Terre sconsacrate-poesia-linodigianni


Nella finestra, il battente cigola
il tempo che la vecchietta ricurva
a piccoli passi si avvicini
alla spazzatura.

Quattro avanzi delle sue sere,
due croste troppo dure
e le bucce delle mele
per colpa del camino spento.
E la sura del recitar rosario.

Il corvo sparisce per larghe ore
del giorno e anche le sorelle
dei giornali chiudono sempre
con un litigio trattenuto.

Nella poca polvere di questo pomeriggio
assorto il ragazzino berbero lascia i compiti
da fare, cerca la palla, il cielo e la voce del muezzin.

Si accontenta dello speaker di tutto il calcio
minuto per minuto, di una capra spaesata
senza quasi più fili d’erba,
e una sorella col velo
che sogna la lap-dance.

Squarci di fulmine, nel cielo sereno
in questa strada tra Bagdad e il Texas.
Son dietro a seguire come
predispongono i passi
vicino ad un cimitero
sconsacrato tra la antica forca
e il grande mercato.

28-10-2010 lino di gianni

Informazioni su linodigianni

www.linodigianni.it
Questa voce è stata pubblicata in poesia, poesie mie. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...