Aspettando la volpe-16 Primavera


Normal
0
14

false
false
false

MicrosoftInternetExplorer4

st1:*{behavior:url(#ieooui) }

/* Style Definitions */
table.MsoNormalTable
{mso-style-name:”Tabella normale”;
mso-style-parent:””;
font-size:10.0pt;”Times New Roman”;}

Sedici
 

Per quanto lo sguardo di Vladimiro si perda dietro le nuvole, nella terra le radici buttano pezzi a forare la terra. Sui rami, la Primavera arriva a togliere il fiato, con la sua marcia decisa, spavalda, verso una nuova alba.

 

Vladimiro va a comprare i giornali, e parla con l’edicolante. Poi incontra la sua vicina che gira in carrozzella.

Le piace la forza quieta, ma decisa, di questa donna.
“ Buongiorno, Harielah, oggi sembra che ci sarà sole, vero?
“ Buongiorno, signor Vladimiro. Oggi, si, forse sarà un giorno come piace a me”.
“ Come sta andando il suo corso, va tutto bene? E’ contenta?
“ Si. Grazie, sono molto felice. Nonostante.le mie gambe non possano muoversi, fare un corso per poter immergermi, poter sperare di andare sotto l’acqua con le bombole.

Certo, mi muoverò su e giù, in verticale. Su uno speciale seggiolino.
Ma non vedo l’ora di provare l’emozione di essere dentro la bolla del silenzio, come la chiamo io”

“ Eh, fortunata ad amare l’acqua. Io, dopo i miei viaggi su battelli scalcinati, ormai la temo.”
“ Oh no, signor Vlad. Io guardo molti documentari. Il mondo sommerso è ignoto ai più, ma ha delle forme di vita straordinarie”.

Vladimiro, prese i giornali, salutò e fece per tornare verso casa.
Quella donna, con una figlia, con una vita passata piena di esperienze, aveva qualcosa di.. affascinante. A volte ti prendeva in giro, altre volte ti lasciava come un’impronta di ustione solforosa. Ma era sempre sincera, leale. Gran virtù fattasi rara, ormai.

 
 
 
 
 

Informazioni su linodigianni

www.linodigianni.it
Questa voce è stata pubblicata in linodigianni, Racconti, scrittura, sedici. Contrassegna il permalink.

2 risposte a Aspettando la volpe-16 Primavera

  1. LaSirenetta ha detto:

    ammàppela, pericolosa, 'sta parapleggica! 🙂
    però lo sai che si può andare sott'acqua anche senza speciali seggiolini, se impari a muovere bene le braccia? Il mare ti abbraccia e ti sostiene, meglio delle stampelle e delle carrozzine …  certo, poi tocca tornare alla superficie, con tutta la sua pesante pressione atmosferica e la sua spossante forza di gravità  😉
    splash!

  2. imaginaire ha detto:

    ci sono persone così: affascinanti, e non si veramente il vero motivo.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...