Sarajevo

                         Forse che, qualcuno pensasse
                         è già iniziata, la caccia quest’anno?

                         Solo che a volare, come starne nel bosco,
                         era un corpo aperto, nell’attimo esatto
                         in cui l’anima fluì.

                         Forse che i Campanili, le Moschee, le Chiese Ortodosse
                         sapevano? Pregavano?

                         Qualcuno attizzava la fiamma, sosteneva l’onda,
                         sempre “Il Dio è con noi” degli omicidi in guerra.

                         Qualcuno, come il sarto del paese, ricordava il suo
                         preciso nemico da cercare, il vicino di casa, liquori
                         bevuti insieme, ora gole aperte che esce, il veleno.

                         Dalle fontane acqua che gorgoglia,
                         le ultime paure e la sete
                         nelle gole di vetro.
                         L’ombra del ponte
                         solo è rimasta.

                         Io penso al suonatore di Violoncello
                         disperato, senza musica, senza pace
                         che offrì il fianco
                         che cercò memoria

                         Suonò solo il legno
                         mettendosi in croce.
 
 
                        
Non è, Mostar
 
                         Non è, camminare , e guardarsi indietro.
                         Non rimpianto, nostalgia, affanno.

                         Questo scoprirsi di gole seccate
                         di polvere di vetro, di guerre di lontananze.

                         Come se mi avessero messo a guardia
                         di una vecchia sedia impagliata
                         ne attendo il restauro, per testimoniare
                         un tempo di diversa consistenza

                         dove mani legno passione
                         facevano sostare
                         un peso
                         nella bellezza.

                         Non è, denunciare, o battersi per
                         Non scelta, decisione, appartenenza

                         Questo corpo con ossa dolenti
                         stretto dal corpetto di cuoio, dalle guerre per l’acqua

                         Come se mi avessero detto rimani
                         e io fossi andato a vedere oltre tutti
                         i deserti e le colonne d’Ercole
                         attendo la resa di voi guerrafondai, rimango in vita
                         verso che scava, fossa non riempita

                         Avevamo le mani strette
                         quando il sole ci ha riportato l’ombra
                         del Ponte, a Mostar.

                           

                                 il posto delle fragole

                                                  

                                Il primo giorno, la finestra rimase chiusa.
                                I cani abbaiarono, confondendo le attese,
                                nell’aria l’odore di pioggia, che non venne.

                                Nel posto delle fragole, vicino al muro,
                                un secchio capovolto,
                                la gomma dell’ acqua tra la polvere.

                                Qualcuno disse di aver visto una bicicletta,
                                ma il giorno dopo non c’era più.
                                Alcuni trovarono vecchi volantini,
                                uno sciopero di otto ore, compagni delle
                                fabbriche, aderite, 1973.

                                Ma fu solo con la Luna piena,
                                arrivata d’anticipo,
                                che le strade del paese si riempirono di gente.
                                Silenziosi, degli uomini
                                arrotolarono prati e trascinarono alberi
                                spianarono colline e deviarono torrenti.

                                La mattina, accanto alla bicicletta
                                una scia di formiche e la punta dei cani
                                fecero trovare l’uomo
                                e la valigia.

                                Dentro, nuove sementi,
                                il sogno di Liberi tutti.

                                Nelle lenzuola stese, il risveglio
                                dei figli della mezzanotte.

                                      La partita è persa,

                                      La partita è persa,
                                      uccisi i cavalli
                                      le orme cancellate
                                      – Avvisate i bambini –
                                      inutili le nascite.

                                      I resistenti si sono dati alla macchia
                                       – sparsi in montagna.
                                      Si occupano di cibo – pittura, poesia? –
                                      Scattano fotografie in cui sia scomparso
                                      il ritratto di qualunque umano.

                                      Le speranze che avevamo ora
                                      sono fogliettini della fortuna
                                      – che distribuiscono vecchi col sorriso
                                      a stento – Sperano di non morire
                                      troppo presto. Perché devono finire l’orto.
                                      Perché devono viaggiare ancora.

                                      La partita è persa.
                                      Il generale Kutuzov respingerà ancora
                                      Napoleone – Ma prima,
                                      Levi eviterà il suicidio.

                                      Si metterà a scrivere per evocare
                                      i poeti ingenui – osservano le grotte d’aria.
                                      E si chiedono perché – osservano i massacri
                                      – ne aspettano altri.

                                      La partita è persa, le tracce disperse.
                                      I segni incomprensibili.
                                      Avvisate le staffette:
                                      portino nuove mappe.

                                      Dei non luoghi? Delle non immagini?
                                      Della Terra vista dalla Luna.

Annunci

Informazioni su linodigianni

www.linodigianni.it
Questa voce è stata pubblicata in poesia, poesie mie. Contrassegna il permalink.

Una risposta a

  1. imaginaire ha detto:

    davvero tutte splendide, non so se hai visto il film: Sarajevo mon amour uscito due o tre anni fa

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...