Baba di Ramallah


 

Nonostante la pioggia battente,

le luci appena accese, qualche grido

ancora in aria.

Nonostante l’ansia dei conti da pagare,

il freddo della casa, il buio privato

dal conforto del sole.

Avevo sete e voglia di pianto,

una pianta di Erica e un pane lievitato.

Chiesi, posso farmi mendicante dopo

la Shoa?

Mi rispose Tinti, e il resto del gruppo

Non preoccuparti, trovermo anche noi

qualcuno da bruciare

col fosforo bianco

Grumi di pane da impastare col sangue

delle baba di Ramallah.

Annunci

Informazioni su linodigianni

www.linodigianni.it
Questa voce è stata pubblicata in poesie mie. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...