Fiumi di Langa-poesia-2008



Non spegnere stasera
la finestra aperta
che entri aria.

Ho visto le onde a cuspide nel lago
teste di salamandre viola
nei grigi azzurrati.

La bocca della ciminiera
predisposta a nebbia.
La luce smessa alle finestre.

Qualche bambino grida
un pallone bucato in strada
Ancora aperto il negozio
di Pinin sera tardi.

Chissà perché tutti aspettavano
il Belbo, che uscisse
dal suo letto, rompesse gli indugi,

America, America.

Allagasse tutto,
cadesse dal cielo in pianura
soffocasse la polvere delle vigne
via sterpi, lumache
e madame incipriate.

Che sia Moby Dick,
per tutti.

© lino di gianni

Informazioni su linodigianni

www.linodigianni.it
Questa voce è stata pubblicata in poesia, poesie mie. Contrassegna il permalink.

2 risposte a Fiumi di Langa-poesia-2008

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...