Con queste scarpe,
mi crescono viole,
non le controllo
vanno verso il cielo,
come seguendo
uno starnuto

Le viole vogliono gli occhi
chiedono un orizzonte
una linea di mare
la fuga di un gruppo rom
un corteo nuovo
o almeno una domanda che si presenti
ancora
partendo dalla terra che calpestiamo.

Quando bagneremo le foglie
che fanno
d’un fiore foresta
di un grido canto
di una disperazione ombra che cammina ?

(lino di gianni)

Annunci

Informazioni su linodigianni

www.linodigianni.it
Questa voce è stata pubblicata in poesia, poesie mie. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...