Normal
0
14
false
false
false
MicrosoftInternetExplorer4

/* Style Definitions */
table.MsoNormalTable
{mso-style-name:”Tabella normale”;
mso-style-parent:””;
font-size:10.0pt;”Times New Roman”;}

Dei baci confusi
sull’amaranto
di foglie cadute.
Ne raccolgo il piccolo
viaggio.

Conservati sotto lo straccio
arrotolato in testa per portare
la giara dell’acqua.

Patiscono i rossori in presenza
ma sono baci resistenti,
hanno estratto miniere di ferro
hanno arato terre senza buoi.

Aspettano l’insurrezione.

Per chi crede che gli alberi
si muovano di notte
che gli uccelli siano fermi nell’aria
ali dispiegate e bocche rotte al canto

Per chi si è convinto a parlare con toni
bassi e gentili e ha
la pazienza di attendere il tempo
di preparazione ad un inchino
ad un levitamento casuale .

Aspettano la rivoluzione.

Ieri una donna che era stata
tutta la vita china a raccogliere
nei campi mi guardava attenta
per sapere il significato
di questa parola raccolta per caso:

Utopìa.

Tra i pomodori, e il verde forte delle foglie
aggrappate, luccicava.

Talmente.

Informazioni su linodigianni

www.linodigianni.it
Questa voce è stata pubblicata in poesia, poesie mie. Contrassegna il permalink.

Una risposta a

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...