A uscire per strade, certe volte


A uscire per strade, certe volte
che il primo mattino tiene le mani
sugli occhi, per non svegliarsi,

e la nebbia limita gli sguardi
impedendo troppe brutture.

Camminare sembra d’essere
al circo ( bambino senza tempo)

con la sorpresa che soffoca in gola.

Sfilano, in bici, madame e sartine
passano, in tram, giovani appesi alle cuffie
corrono, a piedi, migranti che tengono in bocca
l’ultima lingua portata da casa ( fiamma che in guerra
non si deve vedere)

E poi loro, li vedo, finalmente,
che vendono nebbia, sui bastoni
che battono rame (sentire che polente )
coi cavalli tranquilli
con gli ottoni messi in banda.

E la gente li abbraccia, si rincuora
quel giorno, che ci sia ancora qualcuno
che sappia fondere il piombo
con cui ci imprigionano al suolo.

A saperlo, che si dicano Rom
a capirlo, che si dicano Sinti

che ci chiamino “gagi” come dire
i mancanti
dovremmo indicarli col dito, ammirati
che abbiano conservato, per noi,
il segreto delle eterne partenze.

Non solo figli del vento,
gli unici uccisi senza mai aver dichiarato, a nessuno
guerra

Informazioni su linodigianni

www.linodigianni.it
Questa voce è stata pubblicata in poesia, poesie mie. Contrassegna il permalink.

2 risposte a A uscire per strade, certe volte

  1. linodigianni ha detto:

    Grazie molte,Imag

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...