Per 2 biscotti. ( In memoria, dolente. )

Forse, hai potuto giocare poco
libero, nella tua terra.
Là, povero di soldi
ma bambino, a volte, puoi essere
uccello delle maraviglie.

E, nero da piccolo,
hai sottratto colore imparando
la lingua dei camaleonti.

Da ragazzo, forse, scherzando
hai preso due biscotti senza pagare,
ma in questa terra di buoi furiosi
il nero della tua pelle ha coperto
il cielo che avevi dentro.

Ora, son ferme le nuvole
aspettiamo la pioggia
per mischiare la vergogna e l’orrore
per queste tribù del paleolitico.

Niente ci diminuisce
come l’urlo della belva, ignara.

<!–

–>

Informazioni su linodigianni

www.linodigianni.it
Questa voce è stata pubblicata in poesia, poesie mie. Contrassegna il permalink.

Una risposta a

  1. imaginaire ha detto:

    ma la gente non capisco, la gente cos’ha nella testa?

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...