Questua


Le mani rivolte

come per  prendere
farfalle.
  O  forse
cerca di cacciare tutti gli incubi,
docili cani
  nel giro dell’ aria.

Ah, le navi hanno rotto gli
ormeggi ?
Vele piene di vento
chiedono coraggio .

Qui solo un uomo
a piedi nudi, con un cappotto nel
finire dell’estate
giunge le mani
e porge la questua.

Taglia, con il coltello
la faccia
alll’  indifferenza.

Informazioni su linodigianni

www.linodigianni.it
Questa voce è stata pubblicata in poesia, poesie mie. Contrassegna il permalink.

Una risposta a Questua

  1. imaginaire ha detto:

    la questua alla vigliaccheria potremo dire

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...