lotte, di classe


Avendo appreso a parlare
con molte significanze
da parte di almeno una
che forse si annoiava

tutti rispettarono il copione
ed entrarono nella parte.
Suvvia ! E’ poi anche
una questione di stile.

Al confronto l’altro
non chiedeva,
parlava come fosse
forchetta nel piatto.

Dove uno vestiva adatto
l’altro lo faceva d’abitudine.
dove uno il lavoro lo ereditava
l’altro di lavoro ne moriva.

Tutta la vita la passarono ignorandosi
si incrociarono soltanto
una volta, come fosse la ricerca
di una diversa filosofia:

uno, diventando padre, si sentì diminuire
l’altro piantò un albero
fece un cenno d’intesa
per il  tacito, tramandato
segreto.

Informazioni su linodigianni

www.linodigianni.it
Questa voce è stata pubblicata in poesia, poesie mie. Contrassegna il permalink.

2 risposte a lotte, di classe

  1. imaginaire ha detto:

    la lotta di classe sì, ma è ancora più terribile quando il povero cerca di imitare chi lo sfrutta

  2. Lucycy ha detto:

    condivido,imaginaire, riuscire a spezzare questo meccanismo del povero che diventa ricco e si comporta come chi lo sfruttava..

Rispondi a Lucycy Cancella risposta

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...