àncore


Rivolti all’ingiù
le dita piantate nel terreno
aspettando di sviluppare radici
anche solo per
inseminazione del vento

ordinati,

in numero ragguardevole,
comunitari nell’ addentare
il pane dell’esclusione

hanno chiesto a tutti i neri
di unire le schiene curve
per fare un ponte di pietre nere.

I rom faranno i pilastri mobili
coi capelli d’alga a segnalare.

Ho visto un negozio pieno di donne
in attesa dello scurirsi
per intonarsi agli abiti chiari.

Una importante era seduta
su una pelliccia di orso
che aveva appena ucciso.

Informazioni su linodigianni

www.linodigianni.it
Questa voce è stata pubblicata in poesia, poesie mie. Contrassegna il permalink.

Una risposta a àncore

  1. imaginaire ha detto:

    non so se un giorno ce ne renderemo conto di tutto questo, e se davvero basta scriverne

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...