Scialle di seta che cade
( battiti di farfalla o scavi di vanga )
il bambino del Senegal cerca l’oro
a quattro anni, nel suo buco
lalega chiede libertà di grappa
le donne dell’Ossezia
non sanno perchè le bombe nella pentola a mezzogiorno

Alla fine, la poesia
serve a non tagliarsi il collo
prima
avendo necessità
prima
che lo scialle cada
che lo sguardo si faccia
lava, vapore
sutura.

Usciremo
dal gorgo
uniti
come viandanti
ciechi.

Seguiremo l’odore di lavanda
fiume in fiore nelle
montagne
 

<!–

–>

Informazioni su linodigianni

www.linodigianni.it
Questa voce è stata pubblicata in poesia, poesie mie. Contrassegna il permalink.

Una risposta a

  1. imaginaire ha detto:

    ma noi che guardiamo da fuori nell’indifferenza generale, lo sappiamo della pentola surriscaldata, è tutta una questione di potere e di vendita d’armi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...