Io haveba tra i mani
paxero, dicta cutrutettola.
Illa multo et tanti cantaba
da mane a sera,  solo per mia
unica stessa persona.
Ma, visto che io hebbi
lo suo delicata collame tra mie mani
subitamente io volli stringer in primamente lentus
indi cum maximo transporto
et mia paxera cutu et trettola
defunse, come
lo mio clericus vagantes.

Informazioni su linodigianni

www.linodigianni.it
Questa voce è stata pubblicata in non poesie, poesia, poesie mie, poestica, poeti ingenui. Contrassegna il permalink.

2 risposte a

  1. imaginaire ha detto:

    più o meno la comprendo, somiglia a un piccolo canto, ma esattamente di quale dialetto si tratta?

  2. linodigianni ha detto:

    passi in volgare :
    « Sao ko kelle terre, per kelle fini que ki contene, trenta anni le possette parte sancti Benedicti. »

    (Teano, ottobre 963)

    Questa formula corrisponde ad altre formule simili ma scritte in latino e ritrovate a Lucca 822 e a San Vincenzo al Volturno 936, 954, 976.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...