Archivi del giorno: 28 marzo 2008

Ambre

Nervature in chiaroscuro di una foglia di carta di un barbone che dorme. Uno zingaro brucia opacità di un nylon sul pesce che puzza. nel lago piatto del diverso che fugge. La scimmia scende dall’albero Rientra, goccia. Ritorna, ameba. Grido … Continua a leggere

Pubblicato in poesia, poesie mie, poeti ingenui, scrittura, scrivere, vento incerto | 1 commento