2 versione opali


Persino insabbiata, venuta via
day by day
operosa conchiglia
che simulava venti sui mari aperti
ora se ne sta lì, faro al centro dello sguardo
        Non aiuta a capire, dimentica dei gesti
fino a ieri complici.
Quella che guardi ogni giorno
da anni, sempre diversa e con difficoltà
lasci entrare con gli stessi vestiti.
Forse ne riconosci la voce
con cui mente, per farsi accettare.
Forse è la tua scimmia da
Robinson Crusoe, il tuo Venerdì.
Volgi la testa, al mangiare comune
e ti rigiri ai suoi incubi nel sonno
ma conosci la matrice comune
dei vostri affanni.
Dunque, accetta le sue
entrate, ora meste
ora ridanciane
perlopiù aspettando.

Informazioni su linodigianni

www.linodigianni.it
Questa voce è stata pubblicata in poesia, poesie mie, vento incerto. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...