Archivi del mese: dicembre 2007

Per la ragazza con la testa rotonda, che aveva un lato del corpo , offeso, un braccio e una gamba che avanzavano a stento che parlava dei suoi due gemelli nello stesso modo che il sole sta in cielo e … Continua a leggere

Pubblicato in poesia, poesie mie, vento incerto | 6 commenti

Incertezze, ctònie

Incàuti sibilanti passàggi                             mi metta pure la carta gràzie Evita gli occhi troppo intimi non sopporto paghi pure alla cassa. Ma insomma quest’anno la neve arriverà prima fa troppo freddo                           non ancora non ancora Ah, si guardano la … Continua a leggere

Pubblicato in extramuros, poesia, poesie mie, poestica, poeti ingenui, scrittura | 1 commento

Detti e contraddetti – a karl Kraus

Ma troverò mai il tempo per non leggere tante cose? Karl Kraus Dicono che profumi, che si veda il mare, che ci canti il lucarino, che si senta un flauto traversiere segnare la rotta come faro di giorno dicono che … Continua a leggere

Pubblicato in dichiarazioni, poesia, poesie mie, poeti ingenui | Lascia un commento

In morte dolente .

In morte dolente . Mai avrei pensato di finire fritto come un pesce che la schiuma non ci fosse che l’acqua non bagnasse chi poteva urlare se non i draghi più forti dei cannoni Krupp ( chi erano i Thyssen … Continua a leggere

Pubblicato in poesia, poesie mie, tempeste | Lascia un commento

Il pane, le rose e l’astrolabio

E ci sono delle stelle di troppo, che avanzano in questo cielo privato. Se parlano di cose che non conosci, guardali negli occhi. Sfuggono come conigli o son fari che scrutano i mari delle opportunità. Non hanno mai lavato, cucinato … Continua a leggere

Pubblicato in poesia, poesie mie, poeti ingenui, scrittura, vento febbre | 5 commenti

ChebellochevieneNatale

Illuminazione… uhm, si mettiamo un bel po’ di luci, no ? Qualcosa che crei il clima, hai presente, un alibi per comprare se no, con i tempi di magra, le tasse e la benzina, il pane e il salame.. Be’ … Continua a leggere

Pubblicato in non poesie, poesia, poesie mie, poestica, poeti ingenui, scherzi in mi minore, scrittura, vento burla | 3 commenti

Madre

Madre Come una galleria veloce (con la zampata del freddo) un treno mi entra in bocca (finestrini tra luce e scuro) Se ti guardo che non vedi, sei una vecchia se sorrido con discrezione, farfalla garrula t’improvvisi. Quanto zibibbo scorre sottotraccia … Continua a leggere

Pubblicato in memorie dellacqua, poesia, poesie mie, poeti ingenui | Lascia un commento