il primo canto del gallo
che sta dentro il mio petto
richiama quello che sembra un muggito
e non è che una moto che rincasa
ubriaca d’alcol e di pastiglie

S’è fatto tardi, insieme
passando tra le alpi occitane
tra il latte di capra, la lingua d’oc
e i rifiuti di oggi per il diverso che arriva.

Il vento fa il suo giro

Informazioni su linodigianni

www.linodigianni.it
Questa voce è stata pubblicata in poesia, poesie mie, vento largo. Contrassegna il permalink.

Una risposta a

  1. Lam ha detto:

    non potevi trovare parole migliori per cantare a una serata estiva…ah, come riesci tu a chiudere in a-e-o tutta una vita vista, trascorsa o iniziata

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...