iridi


Le mani ed una candela accesa
punto geometrico
della tovaglia .

Un po’ di vento
e i respiri attendono,
il cane non abbaierà,
chiudo il frigo,
aspetto.

(Devo comprare il latte,
e ricordarmi di
carezzarla coi piedi
sui piedi)

Per spiegare
gli approdi, le maree
gli avvistamenti segreti
e il gabbiano che stride:
arabo veloce
nell’iride dei mei occhi

poesia, poesie, poesie mie

www.linodigianni.it

Informazioni su linodigianni

www.linodigianni.it
Questa voce è stata pubblicata in poesia, poesie mie, vento febbre. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...