ramarri notturni


Come lucertole appoggiate
sul cuore della notte,
nelle nuvole
le parole (solo) pensate.

Rifaccio il cammino
che mi dichiara vivo
ogni mattino , e non sono che cinque passi.

Attendo.
Con sguardo indulgente.

( Da piccolo ho disseppellito
un palombaro, alto due pollici,
trovato nel Tide).

Ecco : sul sasso del vecchio
un’intuizione di caldo
una parola ha guizzato,
m’è rimasta la coda.

<!–

–>

Informazioni su linodigianni

www.linodigianni.it
Questa voce è stata pubblicata in poesia, poesie mie, vento febbre. Contrassegna il permalink.

3 risposte a ramarri notturni

  1. LaSirenetta ha detto:

    … solo 5 passi per sentirsi vivi… uomo fortunato, non farti scappare le lucertole!
    splash!

  2. linodigianni ha detto:

    fortunata la parola nuvola/lucertola..ciau sire,grazie del passaggio

  3. anonimo ha detto:

    troppo pochi cinque passi per sentirsi vivi,basta accontentarsi.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...