Raccogliere.


Raccogliere.

P. scriveva tutto quello che sognava su un quaderno.
Sensazioni, fatti, personaggi. O meglio, scriveva quel poco che ricordava.
Cioè quasi niente, per anni e anni.
Al massimo, il ricordo di qualche sequenza. Pero’ molto viva, sempre vissuta come se stesse accadendo.

Ma poi, perchè scrivere i sogni?
Per ricordarli? vano.
Per interpretarli? Inutile.
Dettati da quali pulsioni ? ( mirabili forze segrete o refrattarie)

Il sogno della camera verde.

Sull’uscio di un sottoscala. Filtra una luce che fa emergere il pulviscolo in controluce.
Mentre mi attardo a fissare queste creazioni di luce sospesa, una scimmia compare d’improvviso.
Prende la mia borsa e scappa, con uno stridio della voce secco, come neonato svegliatosi di notte.

Faccio per alzarmi e corrergli dietro, quando vedo le mie gambe riflesse nello specchio.
Sembrano muoversi su nuvole, quasi avendo scarpe disegnate dal vento.
Muovo le braccia appena, e mi ritrovo a planare sui tetti, ma con poco mi rendo conto
che, se entro in ansia, cado giù.

Vedo dall’alto la scimmia che corre verso un edificio.La luce è livida,prima dell’alba.
Sento una nenia in lontananza, come un salmodiare. Mi spavento.Scendo, cammino, mi nascondo.

Il gruppo in corteo si avvicina, sono donne con uno scialle nero, hanno in mano qualcosa di bianco in sospensione nell’aria. Mentre aprono e chiudono le mani in preghiera, con un salmo lento, tra il cotone che vola.
Sto per muovermi in direzione opposta, verso la scimmia, quando si apre una porta vicino a me.
Luce verde, intermittente. Vedo la faccia di un negoziante che conosco, penso di chiedergli qualcosa.Entro.
Quello che ho visto, entrando, con quell’odore forte di muffa, mi ha tolto il fiato.
Non per lo spavento, no.
C’erano dei miei amici che giocavano, da piccoli, sul campetto di calcio del prato di periferia.
Sorridevano, e mi parlavano chiedendomi di passargli la palla, per andare a far goal.

Il sogno termina in modo brusco, annota P., perchè il vicino ha chiuso la porta per andare a lavorare.

 

 

 

Informazioni su linodigianni

www.linodigianni.it
Questa voce è stata pubblicata in Racconti, scritti miei, scrittura. Contrassegna il permalink.

2 risposte a Raccogliere.

  1. Lam ha detto:

    stai cercando una voce nuova…

  2. linodigianni ha detto:

    si, percorrere sentieri battuti e scoperti dai grandi, ma non dalle mie limitate e afasiche forze.ma, scrivere serve,scarpe rotte-eppur bisogna andar:-)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...