foglie da fumo


Quando mio nonno mi disse
vammi a comprare mezzo sigaro sciolto
non arrivavo al bancone.

Ho passato tutti gli anni da grande
a cercarne il gusto, l’origine
e il senso.

Arrampicato a quel tavolo
ho guardato tagliare le foglie,
mentre il corvo di fronte,
muezzin d’accatto,
chiamava i fedeli alle messe del giorno.

Adesso, potendo,
rivorrei la sorpresa, la distanza.

Forse da lì, riprendere il viaggio.
Spegnere echi, consumarne le ceneri.

<!–

–>

Informazioni su linodigianni

www.linodigianni.it
Questa voce è stata pubblicata in memorie del vento, poesia, poesie mie, scrittura. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...