Lievito di birra

Le galline in cerchio,
a inventare strade improvvise.

La pelle che tira per la pioggia.
Arriverà.

Si aggiusta il cappello,
taglia il formaggio ,
due olive nere.
Non mancano mai.

Quel pane pugliese
appoggiato sul petto,

il coltello piantato nel cerchio
del mondo

vela àlgida, mollica arresa.

All’ombra del gelso
solleva di poco una scarpa.

Nei suoi occhi
lo scugnizzo che corre:
lo stelo d’erba  s’affìna
rosicchiato, dai denti.

Infine, cos’altro ?

<!–

–>

linodigianni

Informazioni su linodigianni

www.linodigianni.it
Questa voce è stata pubblicata in extramuros, memorie del vento, poesia, poesie mie. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...