si travestiva da donna, da giovane
radiato dal militare, paese di provincia, anni difficili
ripudiato dai familiari

si metteva gli occhiali fucsia
beveva
rubava fiori per una donna
viveva per strada

chiamava Bambi quelli che incontrava
scappava dai rifugi pietosi
sceglieva il vino, i barboni
rispondeva solo agli sconosciuti

è morto con una candela che sapeva di vaniglia
due volontari impietositi
e un articolo in cronaca locale
vicino alle Olimpiadi della neve.

Ciau,bambi.

Informazioni su linodigianni

www.linodigianni.it
Questa voce è stata pubblicata in memorie del vento. Contrassegna il permalink.

3 risposte a

  1. Lam ha detto:

    Grazie lainus, per avermi raccontato di quest’uomo solo. Sarebbe bellissimo riuscire a dare voce alle gole secche, a chi ruba un fiore per un’amica, aòòe foglie leggere infrante al primo soffio.Nessuno si accorge di loro una volta per terra, calpestate dai passi, ma guardi con occhi grandi tu, grandi.

  2. lainus ha detto:

    grazie a te, per esserti fermata a leggere qui,a vedere le foglie per terra..

  3. mpinaCiancio ha detto:

    BELLISSIME fibrose e lievi le immagini che crei con i tuoi versi. Complimenti mapi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...