Una la luna


una , la luna- due le dune e tre, tre ,quello che prima non c’era, ed ora..

sentire l’odore lasciato ieri da un’ape, un tocco sbadato, dell’ambra avanzata
e vedere, vedere quattro volte quaranta lo stelo muoversi
seguendo lo spartito fitto della cicala, scommenttendo
sul passare inosservati anche oggi, alle sortite del grillo/talpa

e incuneo le piste delle formiche, lo sforzo delle briciole trasportate
il corbezzolo rotolante,l’ansito delle vento che si è fermato,
qui, ora, osservo scarpe che ignorano mondi
spezzano le reni ai rododendri, e spargono spore bastarde.

una, sembrava- due disciolte e tre, tre, quello che prima non c’era, ed ora…

Informazioni su linodigianni

www.linodigianni.it
Questa voce è stata pubblicata in scherzi in mi minore. Contrassegna il permalink.

2 risposte a Una la luna

  1. Lam ha detto:

    che ritmo, maestro…

  2. LaSirenetta ha detto:

    l’ho visto, sai, quello stelo muoversi quattro volte quaranta!
    e chissà mai che sarà quel tre che prima non c’era, ed ora… 😉
    splash!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...