La persistenza del gusto.


Ti dicono: ecco, questa è la via, se fai così e così, poi sarai felice.
Tu sei piccola,in quel momento, e guardi senza pensare.

Ti vestono: ecco, sii un fiore per attirare le api
ma scegli quella giusta, e non dare il nettare prima che sia in trappola.
Tu scegli il nero, che risaltino solo i sentimenti

Ti preparano per soldi e onori o almeno dei figli
e tu inzi a tormentare un legno
legno e dita ,dita e legno
i suoni che vuoi far uscire
sono tra quelli impossibili:
quando il sole si sposta al mattino
le radici erbose che crescono
il rigurgito della civetta, dopo il pasto
ciò che resta del clamore del grillo, finita la notte.

Se il corpo non regge il peso
dei suoni, si frattura
Una crepa si allarga, un orlo sbreccato
e l’anfora che contiene l’anima
si ritrova vuota, un volo rimandato
uccello non alzato in volo

Allora ricominci, interroghi gli occhi
pensando se li prendo all’inizio
ste lune nascenti
i loro giorni forse saranno puliti,
azzurri, coevi di senso e felicità
Ti imponi di non far preferenze,
ma è nei porti stranieri, nella barca
di un bimbo coi capelli lisciati e bagnati da sè
che ti incagli, nel giorno, col piccolo sciacquettìo della risacca
gondola/nuvola, palo che si allontana- lui.

Mi piace, mi piace
come tenti il volo, non sapendoti ape/civetta/lucarino di vetro
agave macroacantha dei terreni aridi
resisti, rafforzati,suggendo piu linfe che puoi.
riproduciti con semine, polloni o bulbilli
E,lasciati vivere, se vuoi, da me
nell’intervallo che passa tra l’ascolto, lo sguardo e la parola.

dedicata a lei

Informazioni su linodigianni

www.linodigianni.it
Questa voce è stata pubblicata in dichiarazioni. Contrassegna il permalink.

8 risposte a La persistenza del gusto.

  1. aizarg ha detto:

    … fortunata la “lei” a cui è dedicata questa poesia bellissima, dolce e amara nello stesso tempo, piena di sentimento,…
    Buona domenica anche a te:-)
    Un abbraccio a lainus, uno ad alp, uno a Lino, uno al soldato onil,…

  2. Immagino una “lei” che piange commossa, da qualche parte.
    E’ bellissima, Lainus, bellissima.
    E non è generica affermazione.
    E’ partecipazione.

  3. Pattinando ha detto:

    Buona domenica, con questa bella poesia dedicata a lei. Vola leggera con le ali delle tue parole.

  4. Lam ha detto:

    …è un gran peccato che queste parole bellissime siano dedicate a qualcuno che le parole invece non le trova mai e quindi non sa rispondere se non in silenzio o con qualche suono che spera arrivi prima e più forte, ma …ma occorrono buone casse per far vibrare i legni, e mani pazienti, non sempre la luce consente al suono più bello di mostrare la vena che l’ha prodotto o la corda che l’ha liberato…a volte nemmeno il liutaio capisce da dove e perché “ma lasciati vivere, se vuoi da me/anche in silenzio, nell’intervallo che unisce lo sguardo al sì”.

  5. farolit ha detto:

    E che importa che queste parole siano o no “dedicate” a qualcuno.
    Le parole parlano sempre e comunque all’ascolto che le incontra tra “lo sguardo e la parola”.
    Queste le ascoltai e le riconobbi, io, meglio di una serenata sconosciuta e involontaria. Le ascoltai bene e mi garbarono assai.

  6. harmonia ha detto:

    Invidiabile lei, destinataria di tanta bellezza di pensiero e di parola.
    Harmonia

  7. linodigianni ha detto:

    Poesia Ri-edita[..] La persistenza del gusto. domenica, 29 maggio 2005 | in : dichiarazioni Ti dicono: ecco, questa è la via, se fai così e così, poi sarai felice. Tu sei piccola, in quel momento, e guardi senza pensare. Ti vestono: ecco, sii un [..]

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...