il filo nel labbro


Il filo nel labbro
è un filare di vigna, raccolgo ogni acino
(sono parole non dette).
è lo sguardo che slitta,
mai guardare negli occhi
(se non vuoi avere in cambio una vita)

Il filo nel labbro
dice che non posso parlare, mi chiedono
conto di non averli cercati
quasi fossero usciti, spersi, masticati
quasi fossero altri, i pochi, i fidati.

Il filo nel labbro
segna la carne più viva
mi graffia con l’aspro
(aceto in bottiglia?)
Fortuna che ascolto, come
un rumore di sempre, i tuoi toni
odorosi, ansimanti.

Si sperde il mio filo, masticando
(anche a vuoto). Resta una traccia,
segnata, trincea errante
dei sogni avanzati.

Informazioni su linodigianni

www.linodigianni.it
Questa voce è stata pubblicata in vento incerto. Contrassegna il permalink.

4 risposte a il filo nel labbro

  1. LaSirenetta ha detto:

    ehi ehi frena… non ce la faccio a starti dietro… certo è strano che quando hai le labbra cucite non la smetti di parlare!
    splash!

  2. LaSirenetta ha detto:

    p.s.: mi servirebbe una traduzione di quei versi di zanzotto, quaggiù!

  3. .....ella ha detto:

    Le labbra…
    libere, senza nessun filo a cucirle.
    🙂

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...